4 febbraio 2018

Olgiate Olona domenica 4 febbraio 2018: 10° ARANCIOLONA, di E. Comparelli

Bagài,
qualche giorno fa mi chiama Antonio “Compa, ho visto che fai il gruppo Road con I-Marziani all’AranciOlona di P&C; io stò a Napoli e ci rimango qualche giorno; non credo di tornare in tempo però aggiungimi al gruppo”. OK, detto fatto. Poi inizio a leggere “Souvenir” l’ultimo libro della saga dei Bastardi del commissariato di Pizzofalcone a Napoli e scopro che “il cinese” Lojacono e “hulk” Romano sono sulle tracce di un certo Capasso che stà in Vico Egizio al 15 … Cosa avrà mai combinato il nostro Andò? S’al bechèn al seràn sù in gattabuia e al vedùm pù … Stamattina al Gerbone me lo vedo comparire davanti e pure bello dimagrito; se vèd che a PoggioReale l’hàn tegnù a stechèt!
Podismo&Cazzeggio è la mia seconda società e quest’anno all’AranciOlona ho portato il gruppo dei Road, la mia prima società; ho invitato ad aggiungersi al gruppo i miei Marziani, invitandoli a pagare il cartellino un po' di più a favore della raccolta fondi che stiamo facendo. E sono stati molto generosi!
Per inciso, se volete correre con la maglietta de I-Marziani alla staffetta della Milano Marathon contattatemi: sarete i benvenuti. Potrete divertirvi ed a fine gara partecipare alla sfilata più fantasmagorica della Galassia.
La mattinata è molto fredda ma limpida; strano, da sòlit chì sàl piòv nò … al fiòca! Un bel cielo cristallino ed un sole splendente accoglie un numero sorprendente di tapascioni; alla fine siamo più di 2.800! Il nostro gruppo si piazza in 3° posizione con 55+2 partecipanti.
Al Gerbone tutto funziona a meraviglia: bar caldo, spogliatoi, deposito borse, file ordinate per le iscrizioni; c’è persino un dog bar! Gli Orange sono GRANDIOSI! I nostri arrivano tutti alla spicciolata; la Saby con Sole distribuiscono i cartellini; poi ci si sposta sotto il gonfiabile per le foto di gruppo.
Mi aggrego al gruppo camminatori col Mega-Presidente Isolano, Saby-Scriccy, CapitanAle ed il vice Presidente Marziano Igor; l’andatura è spedita; il percorso ben presidiato. All’ennesimo saluto Isolano sbotta “Uè ma chì a l’è cùme andà in gìr cùnt al Papa: te cugnùssèn propi tùcc!”.
Scendiamo lungo la ciclopedonale dell’Olona in mezzo a quanto rimane delle attività industriali che in altri tempi erano molto fiorenti; resti di capannoni, caminoni di fornaci, un mulino diroccato; si passa sotto l’imponente viadotto della Pedemontana e le sue gallerie “Ma, gà pasàn minga de machìn su ca la strada chì?”
Decidiamo di fare il percorso medio di 13km (a la fìn pussè de quatordès!) per passare dal Calimali; il Viagra non ci delude: quest’anno ha allestito la “posada de las topas”; costeggiamo la dismessa ferrovia della Val Morea e notiamo con piacere che le ex stazioni sono diventate sedi di diverse associazioni.
All’ultimo ristoro chiedo un negroni ar Valentino Re de Roma che ma risponne “cà tenemo sortanto biondone”.
Al traguardo un’amara sorpresa: le arance sono terminate! In realtà il volantino recitava chiaramente “sacchetto di arance in omaggio fino ad esaurimento scorte” ma quando le scorte si esauriscono prima che arrivi tu ti rimane un po' di amaro in bocca; per fortuna un abbraccio della Sabbbry e due confezioni di tiramisù addolciscono la delusione!
Faccio la mia offerta alla PaolAranciOlona per la comunità Hogar Nino Dios di Betlemme perché sono un Marziano ed il mio Capitano mi ha insegnato che “noi corriamo per una buona causa, sempre!”
Ed alla fine scopro che anca de pasta e fasòe gà ne pù; e no eh quèst chì a l’è propi un bèl schèrs da prè! Peccato, stavolta l’amaro in bocca rimane insèma al bùs in da la panscia; ecco cosa succede ad essere lenti! dovrò consolami cùnt i lènti e cudeghìn  preparà da la Maria Grazia …
Alla prossima,
Ettore “non-si-rimane-mai-a-pacia-vuota” Compa
>>>Servizio fotografico

Nessun commento:

Posta un commento

Il vostro commento sarà visibile dopo verifica del moderatore.
Grazie