INFO/COMUNICATI

Presentata a Palazzo Marino la XVIII Edizione di EA7 Milano Marathon - CS
Nel 2018 la maratona meneghina, insieme alla staffetta solidale, si propone di coinvolgere oltre 25.000 runner professionisti e amatori sul tracciato di gara più veloce in Italia
Milano, 16 ottobre 2017 – È stata presentata stamane presso la Sala Alessi del Comune di Milano la diciottesima edizione di EA7 Emporio Armani Milano Marathon, evento podistico di portata internazionale in programma domenica 8 aprile con partenza alle ore 9:00 dal centro del capoluogo lombardo.
La competizione organizzata da S.S.D RCS Active Team - RCS Sport cercherà ancora una volta di sorprendere partecipanti, partner e pubblico con le sue molte novità.
A fare gli onori di casa Deborah Schirru de La Gazzetta dello Sport, che ha rivolto i più sentiti ringraziamenti da parte degli organizzatori alla municipalità.
Ad aprire la presentazione la lettura di una nota da parte del Sindaco di Milano Giuseppe Sala: “La Milano Marathon è un appuntamento irrinunciabile per la nostra città, per chi ama lo sport e per chi lo pratica. È una manifestazione aperta e coinvolgente, che ha saputo ricavarsi un posto importante nel calendario degli eventi sportivi e delle iniziative culturali di Milano, grazie alla capacità di unire l’attenzione per il sociale alla passione per la corsa che anima tutti i runner, professionisti e amatoriali. Un successo meritato che fa della Milano Marathon un grande evento sportivo”.
Roberta Guaineri, Assessore allo Sport e al Tempo Libero, ha aggiunto: “EA7 Emporio Armani Milano Marathon è una delle competizioni che ha registrato il maggior sviluppo in Italia negli ultimi anni, un appuntamento di rilevanza nazionale e internazionale. Per noi è particolarmente importante coinvolgere sempre di più i cittadini, e il nostro evento centra in pieno l’obiettivo non solo con la staffetta solidale, ma anche grazie al coinvolgimento delle scuole”.
Dopo il messaggio dei rappresentanti del Comune, è stata la volta del Direttore Generale di RCS Sport Paolo Bellino, che ha tracciato un bilancio dell’edizione 2017: “Lo scorso anno la manifestazione sportiva ha visto un sensibile aumento del numero degli iscritti, fino a sfiorare i 25mila partecipanti complessivi, con un aumento del 43% sui finishers della maratona, motivo di grande orgoglio per gli organizzatori”.
Bellino ha poi rimarcato l’importanza dell’attività fisica, fondamentale per uno stile di vita sano, grazie anche all’ausilio di strumenti digitali alla portata di tutti come il nuovo #BeRunning: “#BeRunning è un’app “intelligente” che permette di interagire con la nostra community per l’intera durata dell’anno. La consultazione dei contenuti e il numero di chilometri percorsi generano “crediti” che gli utenti possono spendere scegliendo tra i premi e le promozioni offerte dall’applicazione stessa”. Per maggiori informazioni consultare il sito web ufficiale.
Fondamentale per la crescita costante dell’evento è il supporto dei numerosi partner della manifestazione, primo tra tutti EA7 Emporio Armani, di nuovo al fianco della maratona meneghina in qualità di Title & Technical Sponsor. Anoushka Borghesi, Global Head of Media and PR, presente in conferenza stampa, ha svelato le nuove maglie tecniche EA7 Emporio Armani, declinate in versione maschile e femminile e realizzate in due varianti di colore – blu notte per la maratona e arancio fluo per la staffetta.
Deborah Schirru ha poi passato la parola ad Andrea Monti, Direttore de La Gazzetta dello Sport, che, al fianco di RCS Sport, promuove la cultura del running e ne sostiene i valori: “La maratona è un evento sportivo particolarmente vicino ai nostri lettori. Come ogni anno, La Gazzetta dello Sport ne racconterà i momenti salienti, invitando i runner a mettersi alla prova su un tracciato sempre più scorrevole ed emozionante”.
Il percorso di Milano Marathon, completamente ridisegnato nel 2015 e rifinito con modifiche mirate anno dopo anno, è sicuramente uno dei punti di forza della gara meneghina. Un tracciato con partenza e arrivo nel centro di Milano, affascinante perchè attraversa sia i quartieri del centro storico sia quelli della città contemporanea, e scorrevole grazie a lunghi tratti rettilinei e a un dislivello complessivo davvero ridotto. Il tempo di Edwin Koech, vincitore lo scorso aprile in 2h07’13’’ – miglior prestazione mai realizzata sul suolo italiano – conferma le caratteristiche di velocità del percorso.
Andrea Trabuio, Direttore Milano Marathon, ha introdotto le novità (e le conferme) più significative della prossima edizione: “Sul fronte del percorso, lavorando di concerto con Comune e ATM, stiamo definendo soluzioni migliorative per la logistica pre-partenza e post-arrivo, che consentiranno flussi più lineari, e per i chilometri iniziali del percorso, in modo da renderli più larghi e scorrevoli, e quindi adatti a consentire il passaggio di un maggior numero di runner senza creare rallentamenti”.
Anche nel 2018 il Marathon Village si svolgerà all’interno del MiCo LAB, con uno spazio espositivo di oltre 5.000 mq per un villaggio che negli anni vuole diventare sempre più ricco, dinamico e interattivo, per attirare non solo i runner iscritti all’evento, ma tutti i milanesi che praticano uno stile di vita attivo.
Grande cambiamento invece per la Milano School Marathon, la corsa non competitiva organizzata con OPES e dedicata al pubblico più giovane “La manifestazione si sposterà al sabato mattina e si svolgerà in uno dei quartieri più cool del momento, City Life. Oltre all’ormai consolidata modalità di restituzione della metà delle quote raccolte alle scuole partecipanti, la School Marathon 2018 sarà partner del progetto “InDifesa”, sviluppato da Terre des Hommes e sostenuto dal Comune per sensibilizzare contro la violenza di genere”, ha concluso Trabuio.
Confermatissima la Relay Marathon, anche quest’anno sostenuta e promossa dal Title Sponsor Europ Assistance. Valerio Chiaronzi, Chief Commercial Officer di Europ Assistance Italia, ha sottolineato il significato particolare dell’edizione 2018, per la coincidenza con il 50° anniversario della presenza in Italia della compagnia, e la volontà di essere sempre al fianco dei runner fornendo anche per i prossimi due anni - grazie alla partnership recentemente rinnovata - il servizio di assistenza sanitaria, uno degli elementi di eccellenza della 42km meneghina.
Le tre zone cambio (via Pagano / via del Burchiello, viale Caprilli, via Croce) separeranno le 4 frazioni del percorso, ognuna delle quali avrà una lunghezza compresa tra 7 e 13 km. Ad un mese dall’apertura delle adesioni al Charity Program 2018, avvenuta a metà settembre, il 90% dei pacchetti disponibili è già stato assegnato alle Organizzazioni No Profit che hanno scelto di partecipare a questa grande iniziativa di fundraising, che lo scorso anno ha ampiamente superato il milione di euro di raccolta, ponendo EA7 Milano Marathon ai vertici in Italia tra i singoli eventi sportivi.
Nel 2018 Milano Marathon proporrà un’inedita partnership con EFCS - European Federation for Company Sport e C.S.A.In. (Centri Sportivi Aziendali e Industriali, Ente di Promozione Sportiva riconosciuto dal CONI) in virtù della quale la gara sarà valida come Campionato Europeo di Maratona, individuale e a staffetta, per gli Sport d’Impresa. Nelle prossime settimane saranno svelati tutti i dettagli dell’iniziativa, che è particolarmente interessante per avvicinare le grandi aziende ai nostri eventi e ai valori di uno stile di vita attivo, e che RCS sta sviluppando con il supporto dello Studio NCTM.
Anche nel 2018, la colonna sonora ufficiale di EA7 Milano Marathon porterà la firma di RDS – 100% Grandi Successi. Verrà riproposta, in versione ottimizzata per renderla ancora più coinvolgente, l’iniziativa di intrattenimento musicale lungo il percorso della maratona, a beneficio di tutte le persone che saranno sulle strade, per correre o per fare il tifo. RDS sarà al fianco dell’organizzazione anche in un grande progetto di running al femminile che vedrà come protagoniste attive alcune “voci rosa” della radio, insieme ad altre testimonial d’eccezione e ad un media partner prestigioso come IO Donna.
Tra gli intervenuti il vicepresidente vicario della FIDAL, Col. Vincenzo Parrinello, che ha sottolineato la capacità del Comitato Organizzatore di innovare costantemente l’evento e la grande attenzione data ai contenuti agonistici, motivo per cui la Milano Marathon sarà scelta da parte della Federazione come prova selettiva per la squadra maschile che prenderà parte alla maratona dei Campionati Europei del prossimo luglio.
A chiudere la presentazione il saluto di Linus, grande appassionato di running e sostenitore di lunga data della maratona, che ha segnalato con piacere il progressivo avvicinamento dei cittadini alla gara, in una Milano che anno dopo anno diventa più disponibile e recettiva verso i grandi eventi sportivi di questo tipo.
S.S.D RCS Active Team - RCS Sport ricorda infine l’appuntamento con la terza edizione di Ekirun, la maratona a staffetta di tradizione giapponese, in programma domenica 12 novembre con partenza alle 10:30. Il format dell’evento, una corsa su strada divisa in 6 frazioni (tre «lunghe» e tre «corte», alternate: 5 km / 10 km / 5 km / 10 km / 5 km / 7,195 km) è particolarmente flessibile e adatto a tutti i tipi di runner, più o meno allenati. Per iscrizioni e informazioni visitare il sito web ufficiale.
L’organizzazione ringrazia tutti i Partner e le Istituzioni: il Comune di Milano, la Regione Lombardia, EA7 Emporio Armani (Title & Technical Sponsor), Huawei, Europ Assistance (Title Sponsor della Relay Marathon), Levissima, GLS, Atahotels / UNA Hotels & Resorts, Virgin Active, La Gazzetta dello Sport (Media Partner).
Le iscrizioni alla XVIII edizione di Milano Marathon sono aperte sul sito ufficiale milanomarathon.it
PRESS CONTACTS
EA7 Emporio Armani Milano Marathon   Ivana Capozzi
c/o Green Media Lab                                  Media Relations Manager RCS Sport
alice.diotti@greenmedialab.com                ivana.capozzi@rcs.it

***
Il 29 ottobre un Montestella più economico, verde, creativo ed anche non competitivo
  
Come ormai tradizione, a circa un mese dalla gara, chiediamo a Paolo Nobili, il Direttore dell’evento, che Trofeo Montestella sarà?
L’augurio è che piaccia a tutti i partecipanti, anche perché ci mettiamo la faccia ed inoltre vogliamo sempre tenere alto il ricordo della nostra Cristina Lena.
Rispetto al passato, quali sono gli aspetti confermati della XV^ edizione?
Anche quest’anno contiamo di fornire un servizio completo ai concorrenti, a partire dagli ampi parcheggi del Centro Scolastico di via Natta 11 che comunque non sono infiniti. Suggeriamo quindi l’utilizzo dei mezzi pubblici, la stazione della metropolitana MM1 di Lampugnano è vicinissima. Gli atleti potranno inoltre usufruire di un deposito borse custodito e del cronometraggio automatico. Non mancherà un adeguato ristoro a fine corsa, spogliatoi con docce calde e zone coperte. Il tutto cercando di limitare al massimo i tempi di attesa in ogni fase.
Corsa competitiva e non  competitiva?
Confermate entrambe. Alla gara ufficiale FIDAL, inserita anche nel circuito http://www.corrimilano.org/  si affiancherà una non competitiva su analogo percorso di 10 km. I non competitivi partiranno in coda al gruppo dei competitivi.
Novità sul percorso?
Si.  Sarà un Montestella ancora più “verde”. Non ci saranno modifiche rispetto alla parte nel Parco di Trenno, ma abbiamo ridotto ancora di più il tratto in mezzo ai palazzi a favore della partenza nel parco del Centro Scolastico. Insomma, la nuova partenza corrisponderà con l’arrivo che tutti già conoscono. Sul sito della gara www.trofeomontestella.it , trovate l’immagine aerea del tracciato che non è omologato FIDAL.
Si potrà dormire un po’ di più anche quest’anno?
Esatto, in quanto domenica 29 Ottobre corrisponde col ritorno all’ora solare e dunque quella notte tutti potranno dormire un’ora in più e presentarsi riposati al via alle ore 9, come se fossero le 10. Anche questa è una piacevole tradizione che cerchiamo mantenere.
In cosa sarà più economico e creativo il Trofeo?
L’iscrizione, se effettuata per tempo, scende a 10 euro, due in meno rispetto al 2016. Abbiamo deciso di tagliare i costi senza toccare il servizio. Ciononostante non mancherà un articolo tecnico nel pacco gara, ma sarà un regalo creativo. Di sostanza più che di forma. Noi speriamo che piaccia e che gli atleti comprendano i nostri sforzi per accontentarli, malgrado le risorse limitate e la riduzione del costo d’iscrizione.
Siamo sempre più curiosi…
Allora aumento la curiosità anticipando che ci sarà anche una dolce accoglienza all’arrivo, ma non aggiungo altro. Vi aspettiamo tutti il 29 Ottobre!
www.trofeomontestella.it            info@trofeomontestella.it  
***
Buio pesto a Montrigiasco  - 19 corse per l'Ammazzinverno 
Arona
Pochi ma buoni (e quasi tutti temerari) i 287 concorrenti che si sono ritrovati alla frazione Montrigiasco di Arona per la Camminata del villeggiante, tappa numero 50 della Gamba d'oro. Vento, pioggia e scarpe rotte, per dirla con una brillante canzione di Miranda Martino (ruggenti anni 60), ma soprattutto buio pesto: prima lungo la discesa sterrata d'Incocco che porta a Paruzzaro, poi lungo la salita (questa almeno asfaltata) che risaliva a Montrigiasco; ma non era ancora l'arrivo perchè gli organizzatori avevano allungato il "brodo" con un circuito finale assolutamente privo di visibilità e come tale anche pericoloso. Tutto bene, nel senso che non ci sono state cadute di una certa gravità, però dal prossimo anno (se questa corsa ci sarà ancora) si cambierà strada e soprattutto orario e calendario: la serale in notturna ha un senso solo se corri su circuito asfaltato con partenza non oltre le 19, mentre già a Vergano si era partiti alle 19,15 e a Montrigiasco addirittura alle 19,30. Quanto ai villeggianti, gli ultimi sono stati i "furistè" di Armeno, gli altri sono ormai rientrati tutti in città. Almeno una "turista" la possiamo comunque citare: Elena Colombo, attualmente residente in località Lago d'Argento tra Dagnente e Ghevio di Meina. Assenti i big, si sono rivisti gli outsider ai quali, oltre alle gambe forti, non è comunque mancata una buona dose di coraggio. Primo al traguardo Alberto Moroso precedendo nell'ordine Federico Poletti, Carlo Carlini, Massimo Vanzan e Fabrizio Manni. Top five femminile: Simonetta Montis, Angela Anni, Barbara Zoppis, Alessandra Cavigioli e Michela Zanetti. Ad maiora.
Calendario 
Si riparte venerdì 22 ed è un'altra notturna con partenza alle 19,30 organizzata dalla Atletica Frattini di Giuseppe Lorenzettiperò su un collaudato circuito asfaltato e sufficientemente illuminato. Domenica 24: Camminata di San Michele a Cameri con ritrovo a Villa Picchetta, km 12, in calendario Gamba d'oro. Nella stessa domenica 24 la Mezza Maratona del Vco con partenza alle 10 dai pressi dello stadio e arrivo sulla pista dello stesso Boroli, da percorrere km 21,097. Si correrà passando per il lungolago di Feriolo di Baveno e Fondotoce, costeggiando quindi il lago di Mergozzo. Aggirato il Montorfano si proseguirà in direzione di Gravellona. Organizzazione a cura della locale Asd Gravellona Vco, team presieduto da Giancarlo Ferrario. In coda alla Mezza Maratona una Family Run di km 4 e una non competitiva di km 10 sempre con partenza e arrivo a Gravellona. Sabato 30, ancora a Gravellona, l'inedita "Inferno night trail" di km 10,8 con partenza alle 20 dalla piazza del Municipio.
Ammazzinverno
Con notevole anticipo sulla tabella di marcia il G.S. Paruzzaro ha già completato la stesura dell'Ammazzinverno edizione numero 33. La quota di iscrizione è stata mantenuta a 2 ore per ogni prova, mentre la lunghezza di ogni corsa non dovrà superare i km 7. La partenza di ogni camminata sarà alle 9,30. Al termine di ogni tappa verrà stilata una classifica per gruppi con l'assegnazione di un punto ai primi 250 uomini e alle prime 50 donne. Dopo l'ultima prova saranno premiati i gruppi meglio classificati. Le corse saranno 19, da fine ottobre 2017 a fine febbraio 2018, in pratica nei 4 mesi in cui non sarà attiva la Gamba d'oro. Queste le 19 sedi selezionate. Ottobre: 29 a Borgomanero. Novembre: 1 Feriolo di Baveno, 5 Serravalle Sesia, 12 Gozzano, 19 Oleggio Castello, 26 Invorio. Dicembre: 3 Oltrefiume di Baveno, 8 Gravellona Toce, 10 Suno, 17 Invorio Superiore. Gennaio: 6 Cavaglietto, 7 Cireggio di Omegna, 14 Sizzano, 21 Lesa, 28 Santa Cristina di Borgomanero. Febbraio: 4 Boca, 11 Maggiora, 18 Ghevio di Meina, 25 Marano Ticino.
Sandro Bottelli 
------------------------

LUIGI ZULLO CORRE IL PRIMO TRAIL DELLA SUA VITA E VINCE IL SALOMON RUNNING MILANO
Al femminile successo per Carolina Chisalè.
Assegnati a Dario Rognoni e Rosanna Volpei titoli di Campioni Regionale Lombardi Trail
MILANO – E’ stato come sempre un urban trail dalle mille emozioni la settima edizione del Salomon Running Milano che si è corso questa mattina con partenza ed arrivo all’Arena civica Gianni Brera. Il sole ed il cielo azzurro dopo i temporali della notte hanno regalato un’ultima domenica d’estate ai circa 4000 partecipanti iscritti alle tre distanze di gara previste: ALLIANZ TOP CUP da 25km, la ALLIANZ FAST CUP da 15km e la SMART TROFEO CITYLIFE da 9,9km.
Vincitore uscente della gara principale da 25km che ha visto quest’anno scalare ben 23 piani dell’Allianz Tower, tre in più dell’anno passato, è stato il pugliese Luigi Zullo che si è presentato in solitaria sul traguardo in 1h29’46”: “E’ stato il mio primo trail – ha fatto sapere poco dopo – e mi sono divertito davvero tanto su questo percorso. E’ molto vario, ti impegna sempre ed è sempre differente in ogni momento della gara. Davvero una bella esperienza che voglio ripetere al più presto. Tra i miei risultati migliori un secondo posto alla mezza maratona di Amsterdam, ho un primato personale sui 21km di 1h09’48”, ma questo successo di oggi alla Salomon Running Milano davvero me lo ricorderò per un bel po’."
Piazza d’onore per il valdostano, lui si che di trail se ne intende, Davide Cheraz che ha accusato 44” di ritardo dal vincitore, terminando la gara in 1h30’29”, davanti al milanese Dario Rognoni, vincitore dell’edizione 2016, terzo in 1h31’53”: “Onore al vincitore, ci siamo dati una bella battaglia almeno fino al 20° chilometro, poi mi sono mancate le energie. La febbre che accusavo questa mattina si è fatta sentire” le parole di un provato Rognoni dopo l’arrivo.
Gara femminile dominata da Carolina Sofia Chisalè che ha colto il successo in 1h51’27” precedendo di ben 2’43” Benedetta Broggi, seconda classificata in 1h54’10”. Terzo gradino del podio per Rosanna Volpe che ha concluso in 1h55’01”.
Ci sono però altri podi da festeggiare, quelli che erano ‘la gara nella gara’, ovvero in primis l’assegnazione della maglia di Campione Regionale Lombardo Fidal. Il titolo maschile è stato vinto da Dario Rognoni, mentre si è lauerata campionessa Rosanna Volpe.
Significativi i due trofei in gara previsti. Il Trofeo Allianz Tower  assegnato a chi ha scalato più velocemente il grattacielo più alto d’Italia che regalava ai vincitori maschili e femminili un soggiorno gratuito per due persone presso il Relais & Châteaux Borgo San Felice di proprietà del gruppo Allianz nelle splendide colline del Chianti classico senese, mentre agli atleti classificati al 2° e 3° posto sono andati in dono delle pregiate confezioni di vino tra le pluripremiate eccellenze prodotte dall’Agricola San Felice in Toscana. Ad aggiudicarsi il Trofeo sono stati Stefano Contardi che ci ha impiegato 3’02” e Rosanna Volpe in 4’16” mentre, per onor di cronaca, il vincitore di gara Luigi Zullo è stato il secondo più veloce con un tempo di 3’20”.
Il Trofeo Suunto Montestella che si assegnava a chi percorrreva più velocemente il percorso da 3,8km all’interno del Monte Stella, la famosa ‘Montagnetta di San Siro’ metteva in palio ai primi tre atleti maschili e le prime tre atlete femminili un orologio Gps Suunto Modello Spartan Sport Black. Sulle asperità della ‘Montagnetta’ è risaltata l’esperienza trail del valdostano Cheraz che è stato il migliore segnando un tempo di 13’32”500, secondo Luigi Zullo in 13’32”921 mentre terzo Dario Rognoni in 13’33”471. Tempi davvero ristretti, in 9 decimi di secondo ben tre atleti. Al femminile con 16’52’963” è stata la vincitrice di gara Carolina Chisalè ad aggiudicarsi il Trofeo. Alle sue spalle Benedetta Broggi in 16’54” e Giuditta De Vecchi in 17’40”.
Ha concluso la sua prova e la sua sfida anche l’atleta paralimpico albanese Haki Doku che doveva scendere i 23 piani, 644 gradini e 100 metri di dislivello, dell’Allianz Tower con la sua sedia a rotelle. Missione compiuta con un tempo di 8’50”. Un messaggio chiaro a tutti che quando si vuole ce la si può sempre fare in ogni condizione fisica e una sorta di prova generale per il 2018 quando proverà a fare un Guinnes World Record scendendo tre volte consecutive (risalendo con l’ascensore) i 50 piani, non ‘solo’ 23 come oggi, nel tempo limite di un’ora. Applauditissimo, l’incoraggiamento da parte dei 4000 partecipanti del Salomon Running Milano è già partito fin da oggi.
Cesare Moretti
-------------
Vasyl imbattibile al Boden di Ornavasso - Abbatecola primo a Madonna di Luzzara
Ornavasso
Mezzo migliaio circa di partecipanti alla suggestiva serale di Ornavasso che prevedeva la salita del Boden e la successiva discesa in picchiata con traguardo nella piazzetta dei festeggiamenti. Non competiva libera a tutti e soprattutto a coloro che potranno raccontare agli amici di aver corso con un certo Vasyl. In realtà  Matviychuk non l'ha visto quasi nessuno, nemmeno Rolanda Piana e Riccardo Borgialli, il meglio della concorrenza, secondo e terzo classificati, che hanno subito perso di vista il rivale dopo un paio di allunghi dell'ucraino. Vasyl, trentenne, vive a Domodossola con la famiglia e spesso si porta appresso anche la figlioletta Daria che non ha ancora 3 anni ed è sempre molto felice quando ritrova al traguardo il suo papà, che attualmente è tesserato per un team emiliano. Vasyl disputa però soltanto qualche corsa in Ossola dove si allena quotidianamente. L'altra sera in molti hanno addirittura pensato che avesse sbagliato percorso visto l'incredibile vantaggio che aveva accumulato sui due pur veloci inseguitori, appunto i citati Piana e Borgialli, entrambi cusiani di origine. E dopo Vasyl, Rolando e Riccardo si è registrato anche un eccellente quarto posto dello stresiano, targato Caddese, Rocco Macellaro, a sua volta tallonato da Paolo Vadi. Molto più aperta e pure ricca di sorprese la corsa femminile dove una novarese del capoluogo ha messo kappaò le scalatrici ossolane. Annata da sogno quella di Monica Moia che in arrivo da Novara e ben rodata dalla precedente Straborgo di notte, dove si è piazzata tra le prime, si è presa il lusso di battere Giovanna Cerutti, già regina della corsa in montagna, e la verbanese Romina Caretti con la gravellonese Chiara Cerlini subito a ridosso. Insomma una corsa tra le "stelle" lungo un percorso tanto impegnativo quanto affascinante che ha visto impegnati 480 concorrenti. Ma non dimentichiamo che la corsa era inserita nel calendario di "VCO in corsa" che molto lavora per gestire ogni anno una cinquantina di brillanti manifestazioni. Dopo il Boden ci saranno ancora Craveggia, Vogogna, Gravellona con la sua Mezza Maratona, Cuzzego ed altro ancora. Senza dimenticare gli ultimi due trail in programma a Gravellona il 30 settembre e a Domodossola l'8 ottobre. 
Bis di Abbatecola
Ha concesso il bis Giuseppe Abbatecola, 33 anni, rivelazione della stagione. Dopo il successo a Ghevio nella "Su e giù per il Vergante" Giuseppe ha fatto propria anche la Settembrina disputatasi in località Madonna di Luzzara tra Gozzano e San Maurizio. In gara per il locale team Frattini e sostenuto dalla sua numerosa famiglia, che comprende anche tre figli, Simone, Federico e la tenerissima Alice di meno di un anno, Abbatecola ha attaccato già nella tortuosa discesa iniziale per poi allungare nella successiva salita tallonato da Alberto Moroso, portacolore dei Lupi di Suno, giunto secondo. Nella top five anche Simone Romeo, Marco Frattini e Simone Pastore del team Castellania di Gozzano. Vittoria col botto in campo femminile di Federica Poletti (Sport&Sportivi) che è riuscita ad anticipare le sempre grintose novaresi Mara Della Vecchia (Cecca di Borgomanero) e Monica Moia (Amatori Sport) a loro volta inseguite dalla cusiana Giovanna Cerutti (Gravellona) e Annalisa Diaferia (Lupi di Suno). Oltre 300 i partecipanti, tra i quali molti giovani i più veloci dei quali sono stati Emanuele Colombo, Davide Pastore e Simone Abbatecola tra i ragazzi, Silvia Signini, Crystal Medina e Claudia Lorenzini tra le ragazze. La Settembrina era organizzata dalla Parrocchia di Gozzano e Gruppo Sportivo Malgascitt con la regia di Franco Ruga.
Calendario
Mercoledì 13: Stravarganbass a Vergano con raduno, iscrizioni e partenza da piazza Santo Stefano (km 6, ore 19). Giovedì 14: Corsa podistica dell'Antico Borgo a Vogogna (km 6, ore 19,15). Venerdì 15: Camminata del villeggiante a Montrigiasco di Arona (km 6, ore 19,30). Domenica 17: Le colline di Maggiora (km 10, ore 9) e "A spass par Vidlung" (km 4, ore 11). Venerdì 22: Gamba d'oro a San Maurizio d'Opaglio (km 6, ore 19,30).  Domenica 24: Camminata di San Michele a Villa Picchetta di Cameri (km 12, ore 9) e Mezza Maratona del VCO a Gravellona (km 21, ore 10).
Sandro Bottelli
***
21 Giugno 2017 - Ad E…State Correndo è la volta della notte delle 3esse
Arco di inizio e fine gara: piazzato.
Microfoni per Davide Daccò, voce inconfondibile del circuito: funzionanti.
Postazione per OTC s.r.l., partner per il rilevamento cronometrico: pronta.
Ristoro finale: prenotato e organizzato, basta solo mettere in tavola.
Premi e riconoscimenti vari: impacchettati e in attesa di andare nelle mani dei vincitori.
Sono ore frenetiche a Rescaldina, paese alle porte di Milano che, dopo il matrimonio del calciatore Matteo Darmian con Francesca Cormanni, si prepara ora ad ospitare la seconda prova del circuito E…State Correndo: cade proprio oggi la vigilia della Notte delle 3 Esse, seconda tappa della manifestazione dell’altomilanese patrocinata FIDAL, che anche quest’anno raccoglie il testimone dalla Castano di Notte.
A dirigere i lavori e dare i ritocchi finali, Lamberto Guzzetti, patron di quel Team 3 ESSE che mercoledì 21 giugno vedrà concretizzarsi gli sforzi di queste ultime settimane. “E’ retorico ricordare ancora una volta quanto ci faccia piacere continuare con il nostro contributo a questo circuito”, esordisce il presidente della società giallonera. “Lo scorso anno abbiamo avuto l’onore di vedere sul gradino più alto del podio Silvia Radaelli dell’Atletica Cesano Maderno (21’31” il suo tempo), prima leader e maglia gialla femminile dell’edizione 2017, e Ademe Cuneo dell’Atletica Cento Torri Pavia (19’06” nel 2016), promettente mezzofondista che ha indossato la maglia azzurra prima di trasferirsi ad Atene per impegni di lavoro del padre; e dove, comunque, continua ad allenarsi seguito dalla gloria ellenica del mezzofondo, Panayiotis Notis Papoulias. E chissà che anche quest’anno qualcuno non ci faccia una bella sorpresa!”
Con i suoi 6,2km, la prova di Rescaldina è di nuovo la più lunga di tutto il circuito.
Ancora una volta la partenza delle due manifestazioni è fissata per le 20.30. Mancando la prova riservata ai bambini a causa, purtroppo, del numero davvero esiguo degli iscritti, i primi a schierarsi sulla linea di partenza saranno i partecipanti alla gara competitiva FIDAL; cinque minuti dopo sarà invece la volta della non competitiva FIASP.
In entrambi i casi, partenza e arrivo all’interno del locale Centro Sportivo di via Barbara Melzi. Lasciata la struttura, si affronta un primo insidioso cavalcavia per attraversare poi il Bosco di Rugareto per circa 2km: la comodità della pista di atletica con docce e spogliatoi a disposizione dei partecipanti lascia quindi gradualmente posto al fresco del bosco da correre tutto d’un fiato per ricucire gli strappi con gli avversari o, per contro, per staccarli definitivamente. Temperatura mitigata dagli alberi e percorso pianeggiante non traggano però in inganno: a circa 800mt dal traguardo, un secondo ripido cavalcavia sarà gioia e delizia per tutti i runner.
Ma, alla fine, tanta fatica verrà sicuramente ricompensata: la felicità di aver chiuso la seconda prova del circuito E…State Correndo, l’entusiasmo per aver superato due impegnative variazioni di percorso in un tracciato pianeggiante e veloce trovano la cornice ideale nella festa della birra che, come sempre, accompagna la chiusura della serata della Notte delle 3 ESSE.
Chiara Franzetti (estatecorrendo.blogspot.it)

***

Virgin Active Urban Obstacle Race: il Parco Experience si è trasformato in una grande palestra a cielo aperto per la prima corsa dedicata all’allenamento funzionale
Oltre 900 partecipanti hanno affollato l’ex area EXPO per vivere un’esperienza unica, superando gli ostacoli con l’incitamento della leggenda del rugby Andrea Lo Cicero
Milano, 27 maggio – È stato un pomeriggio esaltante per i 913 iscritti alla prima edizione della Virgin Active Urban Obstacle Race, la nuova obstacle race organizzata da RCS Sport - RCS Active Team in collaborazione con Virgin Active. Il Parco EXPERIENCE di Milano (area ex Expo) si è infatti  trasformato in una grande palestra a cielo aperto ed è stata la location perfetta per esaltare l’impegno di tanti partecipanti accorsi per cimentarsi nei 7 Km della prima corsa a ostacoli incentrata sugli allenamenti funzionali.
A sx Andrea Lo Cicero e a dx il Presidente Virgin Active, Luca Valotta_credit LaPresse
Le partenze, organizzate in piccoli gruppi, sono iniziate alle ore 14, sotto un sole già estivo che ha aggiunto un ulteriore coefficiente di difficoltà alla gara, mettendo a dura prova anche i più allenati. Coinvolgente è stato Ringo che, con il suo dj set di Virgin Radio, media partner dell’evento, ha scaldato l’atmosfera e caricato di entusiasmo i partecipanti prima dello start. Grande accoglienza per Andrea Lo Cicero, leggenda del rugby italiano e testimonial dell’evento, che ha partecipato alla corsa trasmettendo la sua grinta a tutti i partecipanti.
“Era da tanto che non mi divertivo così, c’era una bella atmosfera e tanta gente entusiasta e ben allenata” - ha dichiarato Andrea Lo Cicero – “Per fortuna mi sono preparato bene con l’allenamento funzionale, chiudendo la gara in 41’16 e siglando la miglior performance dell’ultimo periodo. Questo tipo di preparazione è decisamente efficace e oggi era necessaria una buona preparazione per superare tutti gli ostacoli. Oggi ho ritrovato la grinta e l’entusiasmo delle tante partite disputate durante la mia carriera e tanta voglia di stare insieme ”.
Dodici gli ostacoli posizionati lungo il percorso, tutto snodato all’interno del Parco Experience con partenza e arrivo all’inizio del Decumano. Fino al chilometro 3 si è corso nella parte sud, con un suggestivo passaggio all’interno dell’Open Air Theatre. La seconda parte dell’evento si è poi  sviluppata nell’area superiore del parco – nello spazio attiguo all’ingresso Roserio fino all’Albero della Vita - per poi attraversare l’imponente Palazzo Italia. Da qui, percorrendo il Cardo e gli ultimi due chilometri intorno al Children Park di Cascina Triulza, i partecipanti hanno iniziato a rientrare verso il traguardo.
In questa nuova obstacle race è stata interessante e diversa la partenza caratterizzata dal warm-up Grid, la piattaforma per allenamento funzionale esclusiva dei villaggi fitness Virgin Active. I partecipanti, disposti ciascuno in un quadrato della “griglia”, hanno dovuto compiere particolari esercizi sia utilizzando attrezzi che a corpo libero. Finita la serie di esercizi i runner sono partiti per affrontare i 7 km.
Il Grid è stato, inoltre, protagonista anche del penalty. Di fianco ad alcuni ostacoli è stato allestito un Grid di dimensioni ridotte dove, chi non riusciva a superarli, era costretto a ripetere per ben dieci volte un esercizio di penalità dello Zuu che si chiama Donkey Kicks.
Tra gli esercizi-ostacoli più apprezzati e impegnativi certamente il Monkey Bar, la scala a pioli posizionata orizzontalmente lungo il percorso. Qui forza e agilità sono stati necessari per superarla / i New Jersey Equilibrium utilizzati per salirvi e restare in equilibrio / il Gate Merlata che con i suoi numerosissimi gradini ha messo duramente alla prova i partecipanti costretti a portare salendo anche in spalla un peso notevole / il Military Course, il percorso di pneumatici in stile militare / il Palazzo Italia, uno dei simboli di Expo, che è stato attraversato dai runner / il Plyobox Grid, formato da piattaforme su cui si balza a tre altezze diverse, attrezzo usato nel mondo del functional training / Hero Half Pipe con la sua rampa “simil skate” da scavalcare.
“La Virgin Active Urban Obstacle Race è stata una scommessa vincente. Ritenevamo che ci fosse spazio per organizzare una obstacle race diversa dalle altre e che si svolgesse in una grande città e abbiamo avuto ragione” - ha dichiarato Andrea Trabuio, responsabile area Mass Event di RCS Sport – “Milano ci ha accolto alla grande e ha capito lo spirito di questo evento dove contano la performance e l’allenamento, ma soprattutto sfidare se stessi e i propri limiti. Un ringraziamento d’obbligo va alle istituzioni e a tutti gli sponsor, Virgin Active in primis, che ci hanno creduto e hanno contribuito al successo dell’evento”.
“Eravamo certi che i tanti appassionati di training funzionale avrebbero risposto in modo cosi positivo alla prima Virgin Active Urban Obstacle Race” – ha commentato Luca Valotta, Presidente Virgin Active Continental Europe – “E’ stata una vera festa, un momento in cui abbiamo celebrato i valori positivi legati al fitness e al benessere che da sempre contraddistinguono Virgin Active”.
I tre più forti runner sono stati: Marcello Brunetti con il tempo di 29’54’’, Giuseppe Malandrino con 30’29’’ e Gabriele Mansuino che ha chiuso la gara in 30’41’’. Le donne prime a tagliare il traguardo sono state invece, Rosanna Volpe con il tempo di 34’46’’, Giorgia Dalla Venezia seconda con il tempo di 35’49” e terza Giulia Rotondi con 38’43”.
La maggior parte degli iscritti è arrivata, naturalmente, dalla Lombardia ma in tanti anche da Piemonte, Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Campania e Umbria. Il partecipante più anziano è stato Angelo Manicotti con 68 anni di età mentre la donna più adulta è stata Elvira Andretta di 58 anni. Il più giovane runner è stato Filippo Maria Campana di 19 anni mentre la ragazza più giovane, Ludovica Putame con i suoi 17 anni.
Ufficio Stampa RCS Sport
Silvia Lattanzio
silvialattanzio@dmtc.it
Daniele Pernella
danielepernella@dmtc.it
-----------------